Architettura MASA: le app al servizio dei bisogni degli utenti

K2BlogArchitettura MASA: le app al servizio dei bisogni degli utenti

Delle app interconnesse in modo sempre più funzionale e veloce. Verso questa direzione nasce l’architettura MASA, nota come “mesh app and service architecture”. In questo modello app mobili, app web, app desktop e app IoT si interconnettono tra loro e permettono agli utenti di sperimentare una fruizione ottimale dei servizi sui diversi dispositivi e canali. Andando ancora più nello specifico la soluzione MASA riunisce vari servizi e microservizi per creare un’estesa struttura di API connesse visualizzate dagli utenti come un’unica applicazione combinata.

Gli utenti ormai accedono ad app e servizi su elementi diversificati, quali tablet, tecnologie indossabili e altri dispositivi intelligenti. La soluzione MASA garantisce in modo significativo una soluzione ottimizzata per gli utenti, indipendentemente dal dispositivo utilizzato per accedere all’applicazione, che si tratti di un laptop o di una smart tv.

Esempi di app con architettura MASA

Molti sono gli esempi possibili riguardo questa architettura e il suo utilizzo con le altre applicazioni. Un esempio rappresentativo potrebbe essere quello della programmazione di un viaggio. Per evitare gli ingorghi stradali, individuare le ore migliori in cui viaggiare, consultare il meteo, etc. Grazie all’architettura MASA in pochi secondi, puoi inserire alcuni dettagli in un’app di pianificazione dei viaggi e ottenere rapidamente una mappa precisa e particolareggiata.

Il funzionamento dell’app dipende dalla sua capacità di comunicare con le API nelle applicazioni per il traffico, i sistemi di informazioni geografiche, le app di meteo e i dati trasmessi dalle app di altri viaggiatori.

Infine un altro esempio è la differenziazione all’interno dell’app “Uber” tra “Uber per viaggiatori” e “Uber per guidatori”. All’interno delle due app, infatti, esse comunicano tramite soluzioni mobile, IoT, social media e partners che contribuiscono all’applicazione globale.

Ma come si costruisce una applicazione con l’architettura MASA?

Ecco due elenchi di servizi necessari affinché si realizzi:

  • Cloud-native: le app necessitano di essere ospitate da un Cloud per beneficiare della necessaria elasticità e disponibilità.
  • Web-scale: necessità di indirizzare il volume del traffico web (potenzialmente enorme) e di essere scalabile con la crescita e lo sviluppo di nuovi device.
  • Modulari: necessità di lavora con servizi modulari che possano essere sviluppate individualmente senza dipendenze esterne.
  • Adattabile: necessità di reagire in modo dinamico e sempre più rapido ai cambiamenti digitali.

Ed è altrettanto importante che per partecipare attivamente all’interno di grande ecosistema digitale riescano ad offrire:

  • Una fluida user experience multicanale
  • APIs in grado di connettersi all’ecosistema digitale.
  • Rapporto più diretto con il cliente sfruttando le analisi dei dati.
  • Applicazioni che riescano a differenziarsi dal classico sistema back-end, comunicando in maniera differente e in modo più agevole.

Un’architettura interconnessa che ci proietti in modo diretto verso un futuro sempre più tecnologico e senza barriere o limiti. Questa la possibilità offertaci dall’architettura MASA e dalle app che riusciranno a sfruttarla in maniera adeguata.

Fonti: apifriends.com
think-progress.com

Post your comments here

Your email address will not be published. Required fields are marked *