When a Gesture is Worth More than a Thousand Words

News

K2NewsQuando un gesto vale più di mille parole
16.05.2014 admin News

In seguito alla risposta ricevuta da “DPS DailyNote”, un’applicazione per smartphone creata per aiutare i bambini affetti da autismo, Key2 sta lanciando un progetto mirato alla “digital born generation”. Questo è ispirato da uno studio focalizzato sui comportamenti e sugli stili di apprendimento mostrati dai bambini nati nell’era digitale e che ha visto la collaborazione di noti professionisti nel campo socio-educativo.

“Game Teller” ha tre obiettivi fondamentali. In primo luogo, essere un’esperienza innovativa per coloro che stanno cercando di avvicinarsi all’uso di applicazioni tecnologiche avanzate; in secondo luogo, essere uno strumento di preparazione per coloro che si stanno abituando al mondo digitale e, infine, essere uno strumento educativo efficace, una caratteristica spesso trascurata in questa categoria di prodotti.

Grazie a profili personalizzati il gioco verrà impostato automaticamente ad un adeguato livello e allo stesso modo fornirà, a seconda di come il gioco progredisce, un feedback sui progressi compiuti da parte dell’utente.

E’ una verità indiscutibile che i piccoli godono nella ripetizione delle loro attività, ed è il motivo per cui “Game Teller” è impostato per permettere al bambino di ripetere le azioni fino a quando lui o lei sceglie di andare avanti.

L’applicazione offre storie semplici, organizzate in diverse sezioni che possono essere ripetute come pare e piace. Tuttavia, la possibilità di passare ad un nuovo gioco sarà possibile solo una volta che il giocatore abbia completato e compreso tutti i segnali logici, sbloccando un nuovo livello.

Guidando il bambino attraverso le varie fasi di sviluppo, il gioco seguirà i progressi compiuti sulla base di un approccio “Three Times Lesson”. Nella prima fase è l’adulto che guida il bambino appellando e indicando gli oggetti. Nella seconda fase l’adulto nomina l’oggetto, mentre il bambino lo indica. Nella terza fase il bambino svolge entrambe le azioni. Inoltre, l’intera esperienza è migliorata dall’uso delle più recenti tecnologie digitali.