Il gruppo K2 si racconta. Intervista in Radio Roma Capitale

K2Blog NewsIl gruppo K2 si racconta. Intervista in Radio Roma Capitale

Il gruppo K2 ha avuto il piacere di essere ospite presso Radio Roma Capitale, nel programma “Live Social”.

Il programma prevede interviste e storie alla radio, in cui i protagonisti si raccontano. Esperti di ogni settore, professionisti ed imprenditori raccontano la proprie esperienze e la proprie passioni.

La nostra responsabile HR Adriana Biase e il nostro Project Manager Iulian Gabriel Coltea hanno raccontato del gruppo K2 e delle opportunità che offre.

Abbiamo riassunto qui la nostra appassionante intervista, buona lettura!

Chi siamo e cosa facciamo

Il gruppo K2, opera nel settore dell’information technology e si propone come partner innovativo per affiancare le grandi realtà industriali ed istituzionali nel percorso di digitalizzazione attraverso servizi di consulenza, progettazione e sviluppo di soluzioni informatiche, con particolare specializzazione nel Big Data, Intelligenza Artificiale e Machine Learning. La Società ha sedi in Italia tra Roma, Milano e L’Aquila, e filiali e partnership in Europa e negli Stati Uniti.

Si tratta di una realtà fondata dieci anni fa, con un organico di oltre 130 dipendenti e che ha ottenuto “grandi successi territorio nazionale ed internazionale grazie allo spirito innovativo che da sempre contraddistingue la mission del gruppo”.

I progetti e i clienti del Gruppo K2:

Le principali aree di lavoro di K2 sono i servizi per la sicurezza, intrattenimento e gambling, smart cities basati sui dati, “clinical intelligence”, profilazione dei consumatori, il geo-marketing e i servizi anti-frode in campo commerciale e finanziario.

L’obiettivo del Gruppo K2 è riuscire a trasformare idee complesse in soluzioni utili e personalizzate per ogni cliente. I nostri punti di forza sono sicuramente la cura del dettaglio, la competenza e la coesione del team. Ciò ci ha permesso di creare negli anni prodotti specializzati e di altissima qualità per aziende leader come Microsoft ed Apple.

Ulteriori clienti che hanno scelto K2 negli anni sono stati: HP, TIM, Olivetti, Toyota, Trade Spa, Rai nonché diverse amministrazioni pubbliche che operano nei servizi di mobilità e sicurezza.

Ne sono alcuni esempi il lavoro svolto per il Ministero della Difesa – un sistema di gestione e documentazione per le attività internazionali supportate dal Ministero – o in ambito Smart City e Homeland Security – producendo strumenti per coordinare e supportare la gestione di eventi e a garantire la sicurezza nazionale.

Crediamo che la tecnologia possa, e debba, portare dei reali benefici a tutti, per ciò abbiamo lavorato con il Meyer Children’s Hospital: i nostri sviluppatori hanno creato giochi digitali specificamente progettati per tutti i bambini con difficoltà neurologiche; e ancora, in ambito Gambling, sfruttando le logiche del machine learning e dei modelli di analisi predittivi, riusciamo a individuare con un elevato margine di accuratezza, il comportamento di gioco di un potenziale scommettitore contrastando così anche un fenomeno così importante e dilagante come quello della ludopatia.

Cosa si intende per Big Data e Machine Learning:

Big Data rappresenta un insieme di tecnologie accomunate dalla missione nel gestire enormi quantità di dati in tempi brevi. Rappresentano un modo innovativo di approcciare a problemi che con le tecnologie classiche non erano risolvibili o meglio non era economicamente conveniente sostenere. Il machine learning invece rappresenta un approccio alternativo al calcolo statistico, mirato ad automatizzare decisioni attraverso l’addestramento dei sistemi informatici, in pratica è il primo passo verso l’intelligenza artificiale ma non solo.

Cosa si può fare utilizzando queste tecnologie:

Gli scenari che si possono aprire sono molteplici: innanzitutto nuovi approcci all’analisi dei dati, che portano a risultati più accurati e permettono di creare modelli non solo statistici ma anche predittivi. L’impiego dell’intelligenza artificiale può inoltre creare motori decisionali automatizzati che permettono sia di snellire processi produttivi sia avere la capacità di prevedere e gestire criticità a livello di business e di amministrazione. Tutte le piattaforme di smart city vanno in quella direzione per migliorare i propri processi ottenendo benefici anche a livello economico. Inoltre il mondo dell’IoT dipende proprio dalla capacità di gestione veloce di queste moli di dati, aprendo tutto un altro modo di vivere la quotidianità.

Come può un’azienda beneficiare dall’impiego di queste tecnologie?

Come indicato prima può impiegare la tecnologia per migliorare la propria produttività ma non solo: un nuovo mercato aperto dalle tecnologie Big Data è dato dal data monetization, cioè la vendita dei dati avendo la capacità di valorizzarli per renderli sia fruibili sia un valore aggiunto per il mercato. Pensiamo solamente alla quantità di informazioni che ognuno di noi oggi produce ogni giorno, dai dati di mobilità ad abitudini e preferenze: gran parte di queste informazioni vengono già veicolate oggi per fornire dai servizi che altrimenti non sarebbe possibile fornire, come ad esempio Google Maps, a cui ad oggi gran parte di noi ci si affida giornalmente, oppure le piattaforme dove cerchiamo le offerte per le nostre vacanze. Questo senza dimenticarci del mondo che si apre su marketing ed advertising, dove Amazon oggi sa meglio di noi cosa vogliamo comprare.

E per concludere, qualche suggerimento a chi desidera entrare in questo mondo:

Per chi vuole entrare in questo mondo come protagonista della tecnologia consiglio tanto studio e una mente aperta, le opportunità in questa fase si creano più di quanto di cerchino. Anche noi siamo alla continua ricerca di talenti in questo ambito che nei prossimi anni, aiutato anche dall’affermazione del 5G, sarà all’ordine del giorno, pensiamo solamente alla guida autonoma e le potenzialità del mondo IoT.

Le aziende che vogliono introdurre questo modello nella propria attività potranno portare benefici al proprio business, ma non solo, potranno esplorare nuovi modelli di business che prima non erano immaginabili.

 

Link Utili: