Interactive on Shipping

Products

K2Interactive on Shipping

Description

Il traffico via mare attualmente comporta diversi problemi di sicurezza e preoccupazioni per quanto riguarda il trasporto pubblico e privato, nonché inefficienze nel controllo delle operazioni, come ad esempio:

  • traffico caotico, in particolare per la circolazione di piccole imbarcazioni (taxi, trasporto merci, ecc..);
  • verifica del rispetto dei limiti di velocità delle imbarcazioni durante la navigazione;
  • problemi connessi con le onde causate dal traffico eccessivo soprattutto nelle ore di punta;
  • controlli diretti e manuali del traffico da parte delle autorità comunali.

L’ Interactive on Shipping suite di servizi è stato progettato per fornire soluzioni ad alto valore aggiunto per il settore navale.

GPS Locator
Questo software consente di individuare le navi ausiliarie sulle mappe cartografiche in qualsiasi momento; attraverso un cruscotto fornisce informazioni sui percorsi delle imbarcazioni, permettendo così l’identificazione di coloro che sono più vicini al posto dell’evento.

Vessels Allocation
Il criterio di prossimità per identificare le imbarcazioni è automaticamente e accuratamente applicato mediante procedure che, in base alla posizione geografica (latitudine e longitudine) del sito di intervento, determinano un elenco di navi nella zona, ordinato per distanza (dal più vicino al più lontano), che sono attive (non impegnate in altre attività) e sono state autorizzate a gestire il tipo di intervento richiesto. La figura seguente mostra come, sviluppando varie tabelle, i criteri di prossimità possono essere applicati:

La posizione delle navi viene visualizzata su una mappa cartografica
La notifica all’imbarcazione designata, identificata in conformità con il criterio di prossimità, viene fatta per telefono utilizzando i recapiti presenti nel database. Questo processo avviene in modo automatizzato e l’operatore deve semplicemente comunicare la posizione del sito di intervento alla nave designata. La comunicazione è gestita dal sistema e il risultato della designazione, accettato/rifiutato, viene visualizzato sullo schermo. Se accettato, il sistema crea un biglietto d’intervento che verrà chiuso solo quando verranno ricevuti i dati relativi al completamento dell’intervento.
Il biglietto d’intervento deve essere compilato dall’utente sul bordo della nave attraverso una maschera WEB, in cui alcuni campi sono già riempiti dal sistema.

Salvataggio dei dati
Ogni sistema mobile è dotato di un’applicazione in grado di salvare i dati relativi ai viaggi effettuati durante il servizio giornaliero. Questi dati vengono trasmessi e memorizzati nel terminale centrale alla fine della giornata, collegando il dispositivo mobile ad un personal computer pre-configurato per la ricezione.
I movimenti fatti da ogni nave possono essere visualizzati attraverso una maschera di controllo sul portale.

AZIMUTH
Azimuth è la prima comunità di esperti nel settore marino. Attraverso una semplice interfaccia web è possibile rimanere in contatto con le altre barche e condividere le seguenti informazioni in tempo reale:

  • posizione dell’imbarcazione;
  • punti di interesse;
  • percorso di navigazione;
  • foto e condizioni atmosferiche.

Inoltre, con Light Chat è possibile inviare messaggi istantanei in qualsiasi momento.

Diario di bordo
Giornale di bordo elettronico:

  • informazioni tecniche e funzionali della vita a bordo della nave;
  • integrazione con i dati globali a fini statistici.

LCSM
Requisiti di manutenzione della nave:

  • analisi di mercato;
  • questioni critiche e opportunità;
  • modello LCSM.

Requisiti di manutenzione
Le questioni relative alla manutenzione sono particolarmente importanti nel settore navale, sia per la complessità delle apparecchiature da mantenere sia per le conseguenze economiche legate a interruzioni del servizio dovuto a guasti operativi o a inefficienze. Attualmente il mercato offre una gamma di servizi tecnologici e prodotti che non sono integrati tra loro e sono specifici per i singoli segmenti. Solo in pochi casi ci sono dati di navigazione raccolti in modo centralizzato in ordine per essere elaborati e analizzati dal personale di terra. Le attività di back-office sono effettuate sulla base dei dati input non strutturati e in molti casi attraverso processi manuali.
E ‘sempre più necessario l’utilizzo di sistemi di gestione delle informazioni più strutturati e avanzati e creare una tecnologia “ponte” integrata tra le navi e le sale operative di terra.

Analisi di mercato
L’industria navale italiana è molto frammentata tra un gran numero di “giocatori”. Ci sono pochi grandi armatori caratterizzati da un modello di business industriale.
La maggior parte di questi operatori hanno implementato SAP R/3 (in alcuni casi anche PM), ma senza l’integrazione con i sistemi di controllo tecnici.
Anche a livello internazionale, solo pochi operatori hanno già implementato avanzate tecnologie di controllo integrate con l’ERP. I costi di manutenzione della nave rappresentano circa l’8% del totale dei costi operativi (range 1,5 milioni di â,¬). Circa il 70-80% di questi costi riguarda le riparazioni. L’aumento del traffico previsto nei prossimi anni può portare ad un aumento di questi costi e ad una maggiore attenzione alla manutenzione preventiva e predittiva. L’attenzione alla sicurezza diventerà centrale per il trasporto via mare. Le crescenti esigenze in termini di certificazione di qualità richiederanno l’adozione dei più avanzati standard tecnologici. Questo aggiornamento tecnologico sarà necessario anche al fine di preservare la competitività delle flotte di fronte alla crescente concorrenza asiatica.

Questioni critiche attuali
Approccio alla manutenzione “reattivo” piuttosto che “proattivo”. L’applicazione continua di un sistema in cui la manutenzione viene effettuata in risposta a guasti (breakdown maintenance) non lascia tempo per scoprire quali sono le vere cause dei problemi; il maggior numero di manutenzione preventiva viene eseguita senza effettuare una stima reale; è stato dimostrato che una riduzione fino al 5-10% in manutenzione preventiva non incide sul corretto funzionamento delle apparecchiature; i responsabili della manutenzione non possono esibire spiegazioni documentate per giustificare i progetti di manutenzione (spesso l’unica giustificazione è che la manutenzione è stata suggerita dai fornitori); la scarsità di informazioni e di documentazione impedisce l’efficace manutenzione di grandi impianti, non approfittando di possibili risparmi quando la manutenzione è eseguita su apparecchiature simili.

Il modello LCSM
Sviluppo di soluzioni e processi integrati al fine di:

  • massimizzare la durata delle attrezzature alle migliori condizioni tecniche fornendo standard di qualità accettabili e conformi con i livelli di sicurezza prefissati;
  • ottimizzare le risorse coinvolte in attività di manutenzione (ore di lavoro in azienda, materiali, strumenti, contratti);
  • ridurre le perdite di produttività a causa di manutenzione;
  • identificare le aree per potenziare la riduzione dei costi;
  • per ogni componente tecnica fornire una serie di informazioni storiche che possono essere utilizzate per identificare e analizzare le ragioni dei guasti ricorrenti;
  • ottimizzare il ciclo di vita dei componenti/sistemi;
  • ridurre al minimo l’inventario dei pezzi di ricambio non strategici o raramente utilizzati;
  • razionalizzare i rapporti con terzi, aiutando l’azienda ad identificare i fornitori chiave;
  • sostenere l’integrazione delle attività connesse di manutenzione con le altre funzioni aziendali, in genere di acquisto, di gestione del magazzino, di amministrazione e controllo di gestione.
  • Projects

SHARE THIS PROJECT

Related Projects